RIPRENDE IL GRUPPO DI ASCOLTO PROFONDO

  • April 26, 2019 4:59 pm

Riprende il gruppo di ascolto profondo c/o la sede del collettivo Artaud in via S. Lorenzo a Pisa. Per info: 338/2251723 (Anna). Chi è interessato può iscriversi a questo indirizzo: antipsichiatriapisa@inventati.org

 

L’ascolto profondo è nato nella seconda metà degli anni ottanta dall’esperienza terapeutica dello psichiatra e psicoterapeuta americano Jerome Liss come espressione del “Self-help” terapeutico a suo tempo da lui sperimentato nelle comunità antipsichiatriche inglesi e si è diffuso ben presto in ventidue paesi del mondo con grande seguito.

Il metodo” biosistemico” a cui fa riferimento questo tipo di ascolto ci viene delineato così da J. Liss: “Nel sistema-uomo io posso agire, pensare o pulsare, lasciando indipendenti questi tre sistemi, ma quando essi si saranno incontrati, io entrerò in una nuova dimensione: un’emozione”. L’emozione va vista però come un risultato finale, paragonabile ai frutti o ai fiori. Se aggiungiamo all’attività di pensiero ed esplorazione del significato anche l’aspetto viscerale e muscolare delle emozioni, arriviamo a “pensare con il nostro corpo” come nella pratica Zen. C’è traccia di questo metodo sia nella terapia relazionale dei due antipsichiatri R. Laing e D. Cooper con cui Liss ha collaborato, che nel lavoro dell’attore di Stanislavskij come “creazione organica” in cui le passioni, i sentimenti e la disposizione intenzionale del personaggio diventano per l’attore la sua seconda natura. A differenza della psicanalisi che individua nella terapia il momento di recupero individuale o della psichiatria che  grazie ai due aspetti psicoterapeutico e psicofarmacologico costruisce il suo anello di Saturno intorno al “paziente”, la Biosistemica  pone l’auto-aiuto come metodo non-invasivo di auto-superamento  e soluzione dei conflitti, esplorazione profonda di sé ed esternazione di nuove prospettive di cambiamento. Con il gruppo come catalizzatore “attivo” il soggetto protagonista delle proprie emozioni sperimenterà via via nuove capacità relazionali e comunicative utilizzando varie tecniche: la vitalizzazione guidata della curva energetica, la comunicazione ecologica, l’apprendimento attivo, l’utilizzo della parola-chiave, il role-playing, l’identificazione verbale e non-verbale. Le mappe di pensiero e gli input di facilitazione della conduttrice, insieme alla “sospensione del giudizio” nel rispetto reciproco, contribuiranno alla costruzione di una nuova critica costruttiva e conoscitiva della comunicazione di gruppo e intraindividuale.

 

 

TrackBack URI

Leave a comment